serie a

Serie A – Mihajlovic: “La malattia è tornata, le darò un’altra lezione”

Sinisa Mihajlovic

Attraverso una conferenza stampa straordinaria, l'allenatore del Bologna Sinisa Mihajlovic ha dichiarato di essere ancora malato

Redazione NC

Brutto colpo per gli amanti del calcio e non solo. Nel corso della giornata odierna l'allenatore del Bologna, Sinisa Mihajlovic, ha dichiarato di dover tornare a combattere contro la leucemia. Malattia che ha già sconfitto due anni fa. Queste le parole rilasciate dal tecnico serbo nella conferenza stampa di oggi:

 Sinisa Mihajlovic

Sulla malattia

"La malattia sta tornando. Mi è stato quindi consigliato di ripartire con il percorso terapeutico che mi aiuterà ad interrompere questo problema. Due anni e mezzo fa sono entrato in scivolata contro un avversario lanciato in porta, questa volta giocherò invece in anticipo. Evidentemente non gli è bastata la prima lezione e gliene darà un'altra. La vita è fatta così. Ci sono curve e rettilinei ma anche qualche buca. Se cadi ti devi rialzare. Sarà quindi costretto ad assentarmi dal club per qualche periodo. Sto tranquillo perché sono in buone mani. L'altra volta ho faticato a trattenere le lacrime, ma ora mi sento sereno perché so cosa devo fare. Chi mi conosce sa che farò di tutto per stare bene".

Sul Bologna

"Sarà assente dai campi per qualche partita. Tuttavia, in ospedale avrò tutta l'attrezzatura per seguire il Bologna. Il 2022 non è stato un anno fortunato ma non è questo il momento di piangersi addosso. I ragazzi non mi deluderanno, combatteremo ancora insieme. Sono delle brave persone e dei bravi calciatori. Avremo bisogno del supporto del pubblico, sia in allenamento che allo stadio. Nessuno deve mollare un solo centimetro. Risaliremo la classifica e presto torneremo a vivere le partite insieme. Un grazie va anche al presidente e alla dirigenza per il supporto che mi stanno dando. Questo è ciò che voglio dire. Non risponderò alle domande e vi chiedo di rispettare la mia privacy. Potete parlare del Mihajlovic allenatore ma lasciate l'uomo alle sue esigenze. Ci vediamo presto, forza Bologna".