serie a

Serie A – Nesta: “Milan grande club, si può aprire un ciclo”

Serie A – Nesta: “Milan grande club, si può aprire un ciclo” - immagine 1

Alessandro Nesta, ex calciatore, ha analizzato la stagione trionfale del Milan, con un riferimento al futuro.

Redazione NC

Alessandro Nesta, ex calciatore di Milane Lazio, ha rilasciato delle dichiarazioni in occasione della Hall of Fame del calcio italiano. Ecco le sue parole sul trionfo dei rossoneri in campionato: "Il lavoro del Milan è qualcosa di speciale, perché sulla carta per me partivano quarti o quinti e si sono convinti di potercela fare col passare delle giornate. Faccio i miei più sinceri complimenti a mister Pioli ma anche a Maldini e Massara: oltre i giocatori, credo che siano stati questi 3 a creare i presupposti. Il gioco del Milan quest’anno ha valorizzato anche i singoli, e Kalulu e Tomori ne sono un esempio chiaro. E’ un calcio aggressivo, ieri abbiamo visto che hanno fatto 3 gol recuperando palla nella metà campo avversaria".

Sulla possibilità di iniziare un ciclo vincente e sui dettagli che hanno portato alla vittoria il Diavolo: "Non lo so, se continuano cosi ci sono buone probabilità. Però dobbiamo tener conto anche degli avversari. Una volta Berlusconi alzava l’asticella ogni anno e se perdeva l’anno dopo rilanciava nuovamente. Adesso il Milan è costruito bene, magari meno investimenti ma con un identità chiara. Dovremo vedere cosa farà anche la Juve, che sicuramente il prossimo anno tornerà ai vertici della Serie A. Secondo me sono due o tre. Il primo è che la passata stagione alcuni importanti giocatori hanno lasciato Milanello e nessuno ha fatto drammi, accompagnandoli alla porta e ringraziandoli. Sintomo della grandezza del club. Secondo punto è che non si sono lamentati più di tanto durante la stagione, perché lamentarsi crea alibi ai giocatori. Il terzo punto è che ci hanno creduto sin da subito".

Su Chiellini: "Gli consiglio di portarsi la crema che in America il sole scotta, soprattutto ora che ha anche una ferita in testa. Gli faccio i complimenti perché con lui smette un pezzo di storia del calcio italiano. Un ragazzo eccezionale e molto intelligente, lo aspetterà una bella esperienza".