serie a

News Verona – Tudor: ”La strada è quella giusta. Barak e Caprari…”

Tudor

Igor Tudor ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida contro i biancocelesti. Ecco le sue parole

Redazione NC

Il Verona, reduce dal clamoroso ko di San Siro, è pronta a riscattarsi. Domani ospiterà i biancocelesti di Maurizio Sarri. Sarà un match molto difficile, ma i gialloblù hanno dimostrato di saper mettere in difficoltà chiunque. Nel frattempo, Igor Tudor è intervenuto in conferenza stampa.

L'intervento di Tudor

Ecco le parole del tecnico dei veneti. ''Abbiamo lavorato bene. Sarà una partita difficile, contro una squadra composta da giocatori di qualità e da un allenatore forte come Sarri. Ci è servita questa settimana piena, per lavorare su certe cose, certi giocatori che non erano al meglio sono cresciuti. Sono curioso di vedere un bel Verona, che faccia progressi. L’obiettivo è continuare questo momento positivo''.

Rosa ampia

Tudor ha detto la sua sulla rosa a disposizione. ''Simeone e Kalinic sono giocatori forti, stanno entrambi bene. Non è possibile farli giocare insieme al momento: faccio fatica a tenerne uno fuori, ma sono contento stiano entrambi bene. Preferisco così che avere meno scelta. Lasagna è in crescita, l’ho visto molto bene questa settimana, Caprari sta facendo molto bene come seconda punta, Barak è sempre pericoloso, ora ci aspettiamo che anche i quinti ci diano il loro contributo là davanti: per la Serie A sono due giocatori importanti, e possono fare la differenza. Davanti abbiamo creato abbastanza, bisogna trovare un po’ di solidità dietro, rendendo più difficile agli avversari presentarsi nella nostra area. Ma con questo tipo di gioco è normale concedere qualcosina: è un modo di pensare calcio e va accettato. A volte ti gira bene, altre no, ma la strada è questa. Penso che la rosa sia costruita bene. Un allenatore può sempre chiedere qualcosa, ma in mezzo abbiamo Hongla, che non abbiamo ancora visto ed è un giocatore di valore, Tameze che è bravo ed è rimasto fuori a Milano per una mia scelta. Poi il calcio con le cinque sostituzioni è cambiato: l’allenatore può permettersi qualcosa in più, può rischiare ed eventualmente cambiare la partita. Parlo sempre ai ragazzi in questa direzione, chiedo loro di tenersi pronti, e mi hanno dato quasi sempre buone risposte''.