serie a

Serie A – Calcagno: “Udinese in campo sempre senza italiani, non va bene”

Il presidente dell'AIC e vicepresidente della FIGC, Umberto Calcagno, ha parlato a margine di un'assemblea a Milano

Redazione NC

Intervenendo in conferenza stampa dopo l'Assemblea che si è tenuta ieri pomeriggio a Milano, ha parlato il presidente dell'AIC e vicepresidente della FIGC, Umberto Calcagno, il quale ha detto:  "In questi anni abbiamo molto parlato delle seconde squadre, dispiace sia stata solo la Juventus a dare vita a un progetto reale. Dubito che anche l'anno prossimo la situazione possa cambiare perché nessun altro club ci ha chiesto di approfondire il tema. Ovviamente c'è ancora tempo e spero nasceranno delle interlocuzioni. Si è anche discusso delle liste di Serie A e Serie B”.

Ancora le parole di Umberto Calcagno sulla situazione "giovani italiani"

“Oggi il regolamento prevede che in 4 debbano provenire dal settore giovanile, noi stiamo lavorando perché diventino 12-13. Quantomeno quelli cresciuti in Italia, allineandoci così alle normative europee. Dopo l'esclusione dal Mondiale in Russia avevamo notato una sensibilità maggiore rispetto ai giovani italiani da parte delle nostre società, salvo poi tornare indietro nuovamente. L'Udinese e il Bologna schierano sempre un undici senza calciatori selezionabili, siamo di fronte a una norma che discrimina i calciatori che competono già qui in Italia". Questo il commento duro di Umberto Calcagno.

Infine una chiosa sul calcio Femminile

“Oggi l'assemblea si è chiusa con un ringraziamento per l'approdo della A femminile al professionismo che non era più procrastinabile. A differenza della A maschile che hanno soglia a 19 anni prima di diventare obbligatoriamente professionisti, nella femminile fino a 21 è possibile mantenere l'etichetta di giovane di serie. Sono convinto che il movimento sarà molto più sostenibile di quello maschile, non certo autosostenibile”. Queste le parole di Umberto Calcagno, presidente dell'AIC e vicepresidente della FIGC, il quale è intervenuto in conferenza stampa dopo l'Assemblea che si è tenuta ieri pomeriggio a Milano. Parlando di calciomercato, invece, l'Atalanta è pronta ad un colpo da urlo in vista del prossimo anno.