serie a

Serie A – Salernitana, Iervolino: “Non cederò Ederson. Cavani un sogno”

Serie A – Salernitana, Iervolino: “Non cederò Ederson. Cavani un sogno” - immagine 1
Intervenuto a Radio Kiss Kiss il presidente della Salernitana Iervolino ha parlato dei piani per la prossima Serie A

Redazione NC

Per la Salernitana l'ultima stagione è stata una montagna russa di emozioni. Fino a gennaio la squadra sembrava spacciata, destinata a una matematica retrocessione. Poi l'arrivo di Iervolino come nuovo presidente e di Davide Nicola come nuovo allenatore, la svolta e l'incredibile rimonta che ha portata i granata a salvarsi all'ultima giornata. Per la città di Salerno è stata festa grande. Ora il direttore sportivo De Sanctis, subentrato al posto di Sabatini, punta a creare una squadra ancor più competitiva così da raggiungere con più facilità la salvezza. Intervenuto a Radio Kiss Kiss il presidente Iervolino ha confermato: La salvezza è stata un’impresa, il mister è stato un campione. L’anno prossimo vogliamo una squadra rafforzata, competitiva, che possa salvarsi con tranquillità. Sarà una squadra di giovani promettenti, ci teniamo stretti tutti i nostri gioielli”.

Nel finale di stagione si è messo in particolare luca Ederson, che ora è seguito da diversi club in giro per l'Europa:Non lo cederò- ha risposto secco il presidente, per adesso non c’è alcun spiraglio. De Laurentiis personalmente non me l’ha chiesto però non voglio trattenere nessuno controvoglia, voglio solo persone felici. Tra lunedì e martedì faremo ricognizione con De Sanctis e prenderemo decisioni”. E a proposito di Napoli, circolano voci su un possibile scambio tra Petagna e Djuric. Il presidente ha voluto subito chiarire la situazione: Non ne so nulla, non vorrei che il direttore abbia ipotizzato delle cose, ma davvero non so nulla”.

Chiosa finale su Cavani, più volte accostato alla Salernitana: “Ogni volta che parlo col mio direttore e allenatore dico: sono in triplice veste, sono azionista di maggioranza, faccio il presidente e faccio il tifoso. Da tifoso dico: fate uno sforzetto. Da presidente sarei onorato e cerco di far quadrare i conti, da azionista vedo il valore in medio lungo periodo. Per me sarebbe un sogno, non so se lui vorrebbe venire a Salerno“.