serie a

Serie A – Ranieri: “Mkhitaryan gran colpo per l’Inter”

Claudio Ranieri

Intervistato da La Gazzetta dello Sport, Claudio Ranieri ha parlato della Serie A da poco conclusa e del mercato delle big

Redazione NC

Intervistato da La Gazzetta dello Sport, Claudio Ranieri ha parlato della SerieA da poco conclusa: «È stato bello fino all’ultimo giorno, sia in testa che in coda. Il calcio dice sempre la verità, anche se poi una certa componente di fortuna occorre. I voti più alti? Direi Milan, Inter e Roma, ma mi dispiace per il Napoli. A un certo punto pensavo che arrivasse più lontano. Atalanta? Non credo che il ciclo sia finito, perché Gasperini ha già gettato i semi per la fioritura».

Capitolo mercato: con Mkhitaryan l’Inter ha fatto un bel colpo. «Gran giocatore - ha ammesso Ranieri. Per la Roma è una perdita importante, ma sono convinto che José saprà mantenere alta la competitività. D’altronde il suo è un progetto a tre anni». Il Milan punta Origi, la Juve Di Maria e l'Inter Dybala: possono essere i colpi giusti per tornare a vincere in Champions League? «È una questione di cicli. L’importante è che si dia il tempo ai nuovi di integrarsi. La Serie A non è facile, ma Pioli e Allegri sanno il fatto loro». All'estero Mbappe ha rifiutato il Real Madrid: «Deve essere dura dire di no al Real Madrid, ma forse avrà pensato che, essendo così giovane, avrà tempo. Non penso che sia rimasto solo per i soldi, ritengo che abbia fatto una scelta vera».

Chiosa finale sulla nazionale italiana allenata da Roberto Mancini. Dopo la vittoria dell'Europeo è arrivata subito la mancata qualificazione ai mondiali. Ora bisognerà ripartire ma non sarà affatto semplice. Il ct è l'uomo giusto per rifare l'impresa? «Molti grandi campioni stanno finendo la carriera e quindi dipenderà dalla crescita di giovani come Tonali e Scamacca. A me incuriosisce molto Raspadori, voglio vedere quello che farà il prossimo anno. Stia tranquillo: i giovani bravi gli allenatori di club li faranno giocare. Quello che vogliono tutti, in fondo, è solo vincere».