serie a

Serie A – Obiettivo minimo raggiunto, ora testa alla finale di Coppa Italia

TURIN, ITALY - APRIL 06: Alvaro Morata of Juventus during a training session at JTC on April 6, 2022 in Turin, Italy. (Photo by Daniele Badolato - Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

Con la vittoria di ieri sera la Juventus ha messo una seria ipoteca sul quarto posto. Ora la Coppa Italia è d'obbligo

Redazione NC

“La Juventus conquista tre punti fondamentali in casa del Sassuolo, battuto 2 - 1 in rimonta. Raggiungendo quota 66 punti i bianconeri staccano la Roma di 8 lunghezze e piombano sul terzo posto del Napoli, fermo a 67. Dall'altra parte il Sassuolo ha disputato un'ottima partita, soprattutto nel primo tempo, ma ciò non è bastato per evitare il secondo stop consecutivo”.

Il Sassuolo è stato comunque un osso duro

“La formazione di Dionisi parte forte e impegna Szczesny a più riprese con Frattesi, Berardi e Scamacca, fino a trovare il gol del vantaggio con Raspadori al 39'. Nel finale di primo tempo Dybala ha un sussulto d'orgoglio e con un violento sinistro fulmina Consigli. L'argentino, con 81 gol, aggancia Ronaldo al decimo posto tra i marcatori di sempre della Juventus in A. Nella ripresa la gara è più equilibrata, con la squadra di Allegri che riesce a ribattere colpo su colpo ai neroverdi e Morata che va vicino due volte al gol. Lo spagnolo lascia poi il campo a Kean, che all'88' costruisce il gol vittoria con un rasoterra di sinistro da posizione diagonale. Kean e Raspadori, a segno questa sera, sono gli unici due calciatori italiani nati dopo il 2000 con almeno 15 gol in Serie A TIM”. Questo il comunicato ufficiale comparso sul sito ufficiale della Lega di Serie A in merito alla partita giocata ieri sera tra Sassuolo e Juventus.

Ora testa alla Coppa Italia

Per rendere meno amara la stagione, ora, la Juventus dovrà buttarsi a capofitto sulla Coppa Italia. In un finale di campionato che non ha più molto da dire. Con la vittoria di ieri sera la qualificazione alla prossima Champions League è stata messa in cassaforte. Solo una vittoria in finale di Coppa Italia contro l'Inter potrà far sorridere la dirigenza bianconera. Un'altra sconfitta, la seconda consecutiva, in finale contro l'Inter non verrebber presa affatto bene.