serie a

Serie A – Mancini è pronto: “Vogliamo arrivare al Mondiale e vincerlo”

Mancini

In vista dell'importantissima partita contro la Macedonia, il ct della nazionale italiana Roberto Mancini è intervenuto in conferenza stampa

Redazione NC

In vista dell'importantissima partita contro la Macedonia, il ct della nazionale di calcio italiana Roberto Mancini è intervenuto in conferenza stampa per presentare il match: "Il nostro obiettivo è vincere il Mondiale, per vincere il Mondiale dobbiamo vincere queste due partite. Vogliamo andare al Mondiale per vincerlo. Sono fiducioso perché so di avere bravi giocatori e professionisti che hanno costruito dal nulla una vittoria all'Europeo quando nessuno ci credeva. Ma nessuno... La fiducia deve ripartire proprio da questo, da ciò che abbiamo fatto. La squadra è solida, ha delle qualità. Sensazioni ed emozioni ci sono, la cosa però a cui si deve pensare principalmente è quanto accaduto a luglio. Ripartire da quella".

Alcuni giocatori non sono al meglio della condizione: c'è preoccupazione?  "No, non sono preoccupato. Insigne e Barella in Nazionale hanno sempre fatto bene. E' chiaro che durante la stagione ci sono momenti in cui non sei al 100%. Bonucci si sta allenando, sta abbastanza bene, ma sarà valutato per la seconda partita. Una squadra per vincere deve avere una grande difesa. Chiellini? Sta abbastanza bene, il fatto di aver giocato è positivo. Probabilmente non farà le due partite, ma ne parleremo insieme e decideremo. Devo parlare con lui, conosce le sue condizioni e sa cosa può dare. Se può giocare due gare in cinque giorni ce lo dice e giocherà. Ma è una valutazione che faremo con lui questa".

Chiosa finale sui giocatori troppo in forma per essere tenuti fuori: "Berardi e Scamacca stanno facendo molto bene, ma non posso dire oggi la formazione. Oggi c'è scarico, domani valuteremo bene, ma a parte i giocatori della difesa gli altri stanno abbastanza bene. Non mi sembra ci siamo grossi problemi dalla difesa in su. Pellegrini? Lorenzo è un giocatore che valutiamo più come mezz'ala offensiva, è una opzione che abbiamo".