serie a

Serie A – Corsa scudetto, Insigne: “Ci crediamo, come sempre”

Lorenzo Insigne

Con la vittoria del Napoli in casa dell'Atalanta si è riparta anche la corsa scudetto. Lorenzo Insigne suona la carica

Redazione NC

Tra i match più interessanti della trentunesima giornata di Serie A, il più importante già andato in scena è stato sicuramente quello tra Atalanta e Napoli. I due club si stanno contendendo un posto in Champions League e non solo. I partenopei, infatti, credono ancora alle possibilità di vincere lo scudetto. Un traguardo da sempre ambizioso ma finora ancora mai raggiunto in questo nuovo millennio. Al termine della partita, però, il capitano Lorenzo Insigne è tornato a suonare la carica. Prima di andare via, il talento partenopeo è destinato a trasferirsi a Toronto per proseguire la sua carriera in Canada, il calciatore azzurro spera di regalare ai tifosi la gioia del tricolore. Anche perché con il Mondiale è andata male per due volte di seguito. In attesa che le due compagini meneghine giochino il loro incontro, il Napoli si è attualmente portato in vetta a pari punti dei rossoneri. Di seguito le parole dell'attaccante:

 Lorenzo Insigne

Sulla vittoria

"La vittoria contro l'Atalanta pesa sicuramente tanto, ma noi pensiamo al futuro partita dopo partita. Concentrandoci sul fare il nostro per vedere poi dove arriveremo. Sapevamo che contro i nerazzurri i tre punti in palio erano pesanti. Abbiamo fatto quello che dovevamo fare. Ora ci godiamo questa vittoria e da domani penseremo alla prossima partita. Mi è dispiaciuto molto non essere riuscito ad andare ai Mondiali un'altra volta. La delusione è grande e non posso fare altro che chiedere scusa ai tifosi. Oggi, però, contava vincere. E ci vogliamo anche godere questo successo".

Sullo scudetto

"Dedico il goal a mio figlio grande, domani festeggerà il compleanno. Prima di scendere in campo mi ha mandato un messaggio ricordandomi della festa e il mio pensiero è stato dedicargli una rete. Allo scudetto ci crediamo, come abbiamo sempre fatto. Mancano ancora sette partite. Sono tutte importanti, per questo vogliamo affrontarle tutte nella maniera migliore".