serie a

Serie A – L’icona olandese incensa De Ligt: “Uno dei più forti al mondo”

Matthis De Ligt

Un indimenticato difensore olandese ormai allenatore, ha recentemente speso parole di elogio nei confronti del difensore della Serie A

Redazione NC

Importante ritorno al passato oggi per Sky Sport. Emittente televisiva che è andata a recuperare il pensiero di una vecchia icona del calcio olandese: Jaap Stam. Il difensore, passato dal Manchester United alla Lazio nell'estate del 2001 in cambio di 48 miliardi di lire (circa 24 milioni di euro) e poi dai biancocelesti al Milan per 10 milioni di euro, si è espresso a lungo su quelle che sono ora le sue ambizioni da allenatore ma non solo. L'ex centrale, infatti, ha anche parlato molto bene del difensore della Juventus Matthijs De Ligt. I due si sono conosciuti ai tempi dell'Ajax quando il bianconero era giovanissimo e il tecnico non ha dubbio su quello che è il suo destino. Di seguito un estratto dall'intervista:

 juventus

Sul futuro di Stam

"In questi ultimi due anni ho allenato il Cincinnati, ora invece sto passando del tempo con la mia famiglia in attesa di un'offerta. Magari in Italia. Da difensore ero tosto e le mie squadre combattevano proprio come me. In Olanda, tuttavia, si gioca un calcio basato sul possesso e dedito all'attacco. Ho passato dei bei momenti in Serie A con Lazio e Milan. Il Paese ha cultura ed io ho imparato tanto come calciatore e non solo. Lì mi sono migliorato anche come persona. Tornare in Italia da allenatore sarebbe ancora più bello".

Su De Ligt

"Mi piace molto. Nel periodo in cui collaboravo con l'U23 dell'Ajax lui giocava nell'U19 e spesso si veniva ad allenare con la mia squadra. Già quando aveva 16 anni si vedeva che era più forte di alcuni elementi delle prima squadra. Con il passare del tempo, poi, è migliorato tanto. In Olanda ha fatto bene ma ci si domandava che sarebbe riuscito a sfondare anche in club come la Juventus. Bisogna dire che ci è riuscito. Ha bene in un grande club che sta passando una situazione difficile. Forse non sempre è titolare, ma crescendo ancora diventerà uno dei difensori più forti al mondo".