Notizie Calcio Mercato
I migliori video scelti dal nostro canale

serie a

News Hellas Verona – Tudor: “Frabotta non ancora pronto, recupero Veloso importante”

Tudor

L'allenatore dell'Hellas Verona ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match con i rossoneri di Pioli.

Redazione NC

News Hellas Verona – Tudor ha parlato e ha detto: "Abbiamo lavorato bene in queste settimane. I nazionali hanno fatto bene, hanno vinto tutti, mi sembra, ed è positivo per il morale. Non vediamo l'ora inizi la partita, contro una grande squadra e in un grande stadio. Abbiamo lavorato su tutto. Si tratta di un processo quotidiano di lavoro, com'è giusto che faccia l'allenatore di una squadra. L'obiettivo è progredire, poi ci sono i nazionali, altre problematiche da questo punto di vista. C'è sempre meno possibilità per un allenatore di lavorare: si gioca ogni tre giorni, è un lavoro totalmente diverso. La programmazione delle partite è una pazzia sempre più grande, si rischia di arrivare al punto di rottura. Ma sta alla bravura di ognuno di noi cercare di migliorare. L'importante è non commettere errori, non trascurare niente. Poi davanti c'è sempre la qualità per fare qualcosa".

Su Veloso

"Miguel è un ragazzo importante, dentro e fuori dal campo. Sono felice sia tornato: ha fatto due o tre settimane buone di lavoro. La sua presenza in allenamento si sente, ha fatto cose importanti qui negli ultimi anni, e la squadra riconosce la sua leadership. E' un leader assoluto. Frabotta? Ha questo problema al tendine: ha ricominciato a correre, ma non è ancora pronto. Mi dispiace molto, perché può darci una grossa mano".

 

Sui rossoneri

"Una squadra rappresenta tanto il suo allenatore, se questi resta per diverso tempo. Se il Milan è questo buona parte dei meriti va all'allenatore: Pioli mi è sempre piaciuto, sia in campo che nel modo di fare. Nel calcio un allenatore deve sempre prendere un po' dagli altri, ma poi deve metterci la sua visione del calcio. Si vede che il Milan lavora bene, anche dal punto di vista fisico. Poi ci sono anche cose concrete, posizioni in campo, c'è un buon spirito: è una grande motivazione per noi, per andare là a far bene, con rispetto ma anche con voglia di far bene. Sono le partite più belle: andare a quel tempio che è San Siro e fare il meglio possibile è il nostro obiettivo, indipendentemente da come stanno. Ibra? Se Ibra non gioca sono contento, lo considero ancora uno dei più forti. Ho visto che potrebbe andare in panchina: è un giocatore importante per loro. Abbiamo pensato a queste soluzioni, sia che giochi dall'inizio sia che subentri a gara in corso".