serie a

News Verona – Simeone: ”Ora ho fiducia. Qua c’è un giocatore molto forte”

Simeone

L'attaccante dell'Hellas Verona ha rilasciato un'intervista ai microfoni della Gazzetta dello Sport. Ecco le sue dichiarazioni

Redazione NC

Dopo le ultime annate non troppo positive, Giovanni Simeone vuole rilanciarsi. L'inizio di campionato promette bene: due gol e due assist in sei partite giocate. Al rientro dalla sosta vuole continuare a stupire. Intanto, l'argentino ha rilasciato un'intervista ai microfoni della Gazzetta dello Sport. Ecco cosa ha detto.

Verona

Simeone ha parlato del suo arrivo a Verona e dell'ottimo avvio di campionato. ''Mi sono preparato tantissimo per questa stagione. Ho tanta fiducia in me stesso e nella mia squadra. Ho fiducia nell’idea e nell’identità del Verona, in cui mi rispecchio. Mi sembra di essere qui da una vita. Lavoriamo e pensiamo tutti allo stesso modo. Mi ha chiamato il direttore D’Amico e mi ha fatto capire quanto mi volevano. Secondo lui in questo gruppo potevo entrarci perfettamente. E aveva ragione, anche perché la prima cosa che gli ho detto è che, appunto, mi identificavo tanto nella loro filosofia di gioco, e nella determinazione della squadra a non mollare mai. Questo mi ha aiutato a scegliere. L’idea di base è il lavoro continuo, cercare sempre soluzioni nuove. L’anno scorso mi sono un po’ perso. Quest’anno sto molto meglio fisicamente e mentalmente''.

Tudor e Kalinic

L'argentino ha detto la sua sul nuovo allenatore e sul compagno di reparto. ''Tudor è un allenatore di grande personalità e con tantissima voglia di tramettere entusiasmo ed energia. Ci è riuscito in pieno con me e con tutta la squadra. Che aveva bisogno di essere motivata. Kalinic è forte, aveva fatto bene a Firenze, al Milan e all’Atletico con mio padre. Quando sono arrivato in viola, ho guardato i suoi video per sapere come giocare. Ora che l’ho conosciuto mi ha impressionato il fatto che è un bravo ragazzo, trasparente. Di solito tra giocatori dello stesso ruolo si parla poco causa rivalità. Con lui no. E’ molto importante''.