Notizie Calcio Mercato
I migliori video scelti dal nostro canale

esteri

News estere – La UEFA conferma la sua posizione contro il Mondiale ogni due anni

Uefa

L'organo della UEFA non ci sta e non vuole che si giochi il Mondiale ogni due anni. Il motivo è molto semplice.

Redazione NC

News estere – Sta facendo molto discutere la nuova proposta della FIFA che vorrebbe giocare il Mondiale ogni due anni. Molti consensi ma anche e soprattutto molte bocciature da parte del mondo del calcio.

Il perché è molto semplice

Le bocciature derivano dal fatto che il Mondiale ogni due anni toglierebbe molto spazio ai campionati nazionali oltre il fatto che competizioni come Europeo, Coppa d'Africa, Coppad'Asia e Coppa America rischierebbero di scomparire.

Il comunicato della UEFA sulla proposta del Mondiale ogni due anni

"Considerando che i club, le leghe, la UEFA e la CONMEBOL sono tutti contrari, è improbabile che rispettino il calendario della FIFA. La FIFA ha sostenuto che una Coppa del Mondo biennale porterebbe maggiori possibilità per i paesi di partecipare al torneo e che un processo di qualificazione semplificato, con meno pause per le nazionali, ridurrebbe i viaggi internazionali per i giocatori. La UEFA afferma che una Coppa del Mondo organizzata più frequentemente diluirebbe il prestigio della competizione e che organizzare tornei importanti ogni anno aumenterebbe il carico sui giocatori e affollerebbe il programma. Danneggerebbero tutte le forme di calcio e svaluterebbero la competizione stessa. Questo concetto ha tutte le caratteristiche di una decisione che la FIFA vuole prendere in fretta. La UEFA continuerà a opporsi fino a quando non prevarrà il buon senso e i piani non verranno abbandonati".

La posizione della UEFA è netta e non cambierà per ora

Molti dei giocatori sono contro la proposta della FIFA e non potrebbe essere altrimenti. Ma anche e soprattutto la UEFA è contraria alla proposta della FIFA. La soluzione del Mondiale ogni due anni è ad ora una soluzione poco percorribile. C'è chi la sostiene ma quei pochi sostenitori sono destinati a non veder realizzata la loro idea. Almeno per il momento sembra che sia così.