serie a

Serie A – Vittoria in rimonta per il Milan. Pioli: “La squadra ci crede”

Al termine del match contro il Verona, il tecnico del Milan Pioli è intervenuto in conferenza stampa: la vittoria della Serie A si avvicina

Redazione NC

Vittoria importantissima per il Milan di Stefano Pioli, che battendo il Verona si è portato nuovamente in testa alla classifica di Serie A. Ora lo scudetto è ancora più vicino: basteranno quattro punti in due partite per assicurarsi la vittoria del campionato. Al termine della partita, l'allenatore del Milan è intervenuto in conferenza stampa: "La squadra ci crede perché sta bene in campo. I primi 25 minuti sono stati di grande personalità, ma arriviamo a queste partite con un carico di esperienze passate che ci fanno capire che bisogna starci sempre dentro. I ragazzi sono veramente forti: c'è soddisfazione, perché abbiamo vinto una gara difficile. I ragazzi stanno affrontando nel migliore dei modi queste partite. È il nostro modo di preparare le gare, studiamo bene gli avversari. Ho avuto tempo per conoscere questi ragazzi, ho scoperto in Tonali caratteristiche che prima conoscevo meno, ad esempio".

"Sapevamo non ci fosse un domani, c'era solo oggi- ha continuato il tecnico rossonero. Prima della partita Zlatan ha detto una cosa bellissima: i giocatori del Milan vengono ricordati per quello che hanno vinto, se vogliamo che si ricordino di noi abbiamo tre partite. Ora ce ne mancano due. È la stagione della consapevolezza e della conferma delle nostre qualità. Non eravamo nei pronostici di nessuno a inizio stagione: stiamo portando a casa i frutti del nostro lavoro, che però non è ancora finito. Le settimane sono bellissime, lavoriamo con serenità. Sto pensando all'allenamento di domani, non a domenica".

Su Tonali e Leao l'allenatore ha poi aggiunto: "La crescita dei giovani passa attraverso l'esperienza. Anche nel momento in cui non sembrano capire le situazioni, quando sono intelligenti, alla fine sbocciano. Perché questi ragazzi hanno talento, e disponibilità nei miei confronti. Tonali e Leao hanno le loro qualità, non servono confronti, perché le caratteristiche sono troppo soggettivi".