Notizie Calcio Mercato
I migliori video scelti dal nostro canale

serie a

News Hellas Verona – Tudor: “Contento per i ragazzi, Simeone non ha sbagliato nulla”

Tudor

L'allenatore dell'Hellas Verona ha parlato alla fine del match vinto contro i biancocelesti di Maurizio Sarri.

Redazione NC

News Hellas Verona – Igor Tudor ha parlato e ha detto: “"La vittoria, per di più contro una squadra importante come quella biancoceleste, è sempre una cosa importante. Sono contento dei ragazzi, penso che questo risultato ci darà ancora più confidenza per fare le cose giusta, con la palla e senza. Perché poi esce la qualità dei giocatori, che fanno tanti gol perché sono forti e io sono contento di allenarli".

Sugli obiettivi della squadra

"C'è solo un obiettivo, che è salvarsi. Gli allenatori non ci pensano: il nostro obiettivo è rimanere in Serie A. La crescita della squadra è un altro obiettivo, la crescita individuale di ogni giocatore. I risultati e la classifica devono essere una conseguenza di tutto questo per un allenatore. I miei sono giocatori forti. Se si fanno tanti gol vuol dire che quelli davanti sono forti e chi gli porta la palla è altrettanto bravo. Per giocare questo tipo di calcio bisogna lavorare tanto: poi la loro qualità esce, perché son giocatori che possono saltare l'uomo, hanno un grande tiro, predisposizione al sacrificio. Sono doppiamente contento: per la vittoria e per il premio ricevuto dopo i sacrifici fatti. Con questo tipo di calcio puoi sempre concedere qualcosa, è collegato. Sei in campo aperto ed è impossibile non concedere qualcosa: i nostri difensori devono essere apprezzati un po' di più rispetto a chi difende con appena venti metri di campo alle spalle. Sono molto contento dei miei difensori, oggi hanno fatto buone cose. Ceccherini è entrato bene, Sutalo mi è piaciuto. Stanno facendo bene tutti, bisogna continuare così".

Su Simeone

"Se mancano due giocatori forti per loro provi a sfruttare queste assenze, ma non è che chi ha giocato fosse scarso. Era da un po' di tempo che non vedevo questo livello in un attaccante: non solo per i gol, che sono pazzeschi, ma anche per i movimenti che abbiamo preparato, per la capacità di non perdere palla. Non ha sbagliato nulla. Sono contento: è un ragazzo splendido, umile, si prepara sempre al massimo, studia... È stato premiato e io sono contento, ora andiamo avanti perché tra due giorni abbiamo l'Udinese, e abbiamo anche altri attaccanti forti. Faraoni? Non mi piace citare qualcuno in particolare perché poi sembra che abbia delle preferenze, ma posso parlare solo bene di loro”.