serie a

News Atalanta – Gasperini: “Rossoneri forti e bravi a farci male”

Gasperini

L'allenatore nerazzurro ha parlato ai microfoni di Dazn e ha commentato la sconfitta contro i rossoneri.

Redazione NC

Gasperini ha parlato e ha detto: “Abbiamo preso gol dopo 30 secondi e un gol alla fine del primo tempo. In mezzo ci sono state diverse occasioni. Poi è arrivata un po' di sfiducia ma devo dire che il Milan è stato molto bravo a ripartire e farci male. Non siamo stati nemmeno fortunati in diverse occasioni. Le abbiamo avute e non le abbiamo sfruttate. Sull'infortunio di Pessina non abbiamo ancora news. Poi abbiamo inserito più attaccanti per creare pericoli ma invece è venuta a mancare un po' di continuità di prestazione. Sia Ilicic che Muriel non sono al massimo della condizione".

 

Sul confronto con le due milanesi

"Con l'Inter è stata più equilibrata. Oggi abbiamo preso gol subito. Ho visto un Milan forte, con caratteristiche che nessuno ha in Italia. Se hanno possibilità di giocare di rimessa diventano pericolosi. Noi abbiamo avuto possibilità ma non le abbiamo sfruttate. Ilicic? L'Ilicic di un tempo sarebbe importante per noi. Lui si allena con grande impegno. Per lui non è facile, stiamo cercando di recuperarlo al meglio ma in questo momento facciamo fatica".

Le parole di De Roon a Dazn

"Abbiamo sofferto le loro incursioni, loro molto veloci e dopo il secondo gol non è stato facile. Siamo stati poco concreti, anche se in avvio di ripresa abbiamo provato in qualche modo a reagire. La seconda rete ha complicato la partita. Avevamo cercato di raddrizzarla dopo l'1-0, però le diverse occasioni non le abbiamo sfruttate a dovere e contro una squadra come il Milan bisogna esser più concreti".

Sul fatto che non è una dea brillante

"Noi facciamo sempre fatica nei mesi di settembre e ottobre, di solito cominciamo a girare dopo. Ci mancano dei gol, sbagliamo nell'ultimo passaggio e dobbiamo mettere apposto queste cose dopo la sosta. Il campionato quest'anno è molto tosto, dobbiamo lavorare sodo, perchè siamo ancora un po' indietro".